“Coopetere, questa è la sfida”.

Ieri al Next Festival di Wired Italia l’astronauta Paolo Nespoli ha detto due cose che mi hanno colpito.

La prima è che chi condivide obiettivi ambiziosi (che si tratti di un team spaziale o di un’organizzazione) può dare il meglio se unisce cooperazione a competizione. “Coopetere, questa è la sfida”.

Sfida resa ancora più complessa quando chi guida la squadra è personalità forte e poco disponibile alla fiducia e delega.

“Dopo la conquista della Luna si sarebbe potuto, forse, pensare di arrivare persino su Marte, se Usa e Russia avessero collaborato, pur mantenendo un certo livello di tensione reciproca. Ma i rispettivi capi missione spaziali non erano tipi da coopetizione, e l’impresa da difficile divenne irrealizzabile”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…